Una settimana dopo l’attivazione della Alonzo hardfork nella rete principale, Input Output Global (IOG), la casa di sviluppo dietro Cardano (ADA), ha rilasciato una spiegazione dettagliata di come Cardano potrà migliorare la propria scalabilità con l’implementazione di Hydra.

Cos’è Hydra?

Secondo un post del blog di Sebastian Nagel, Direttore della sezione di ingegneria software di IOG, il rendimento di Cardano sarà incrementato attraverso Hydra, una nuova soluzione di scaling basata sugli state channels. Nel tweet, IOG afferma: “Hydra è una soluzione chiave di livello 2, che continuerà a migliorare la scalabilità di Cardano implementando un nuovo protocollo in aggiunta al già esistente livello 1”. Di seguito, il tweet di Input Output Global da cui proviene l’estratto:

Il concetto di “state channels” è stato creato per la prima volta nel 2017 dalla prima generazione della rete di scalabilità Raiden. Hydra sposetaà le computazioni ed i calcoli fuori dalla blockchain allo scopo di ridurre la pressione delle transazioni sulla rete principale. Hydra non richiederà consenso globale, e pertanto potrà aumentare la velocità e la performance delle applicazioni DeFi. Il nome Hydra deriva dal fatto che l’infrastruttura dei suoi canali isomorfi include diverse “teste di hydra” parallele: una volta attivati, gli script di Cardano potranno essere eseguiti in parallelo sulle diverse teste, contemporaneamente. Questo tipo di soluzione costituisce quindi un progresso notevole nella scalabilità di Cardano.

Una soluzione alla congestione di Cardano

Entro l’ultimo quarto del 2021, gli sviluppatori di Input Output Global hanno già fornito una prova di fattibilità per i nodi Hydra. Una anteprima sarà mostrata durante il prossimo Cardano Summit, che si terrà i giorni 25 e 26 Settembre 2021.

Lo sviluppatore di Cardano Matthias Benkort ha indicato numerosi vantaggi che Hydra avrebbe nei confronti del proprio concorrente dedicato alla rete Ethereum, Arbitrum.

L’inventore di Cardano, nonché CEO di IOG, Charles Hoskinson, ha definito la soluzione Hydra come uno degli strumenti potenziali atti a prevenire la congestione della rete di Cardano, in risposta alle critiche che sono state sollevate a seguito dei problemi con il rilascio degli smart contracts sulla rete test, in data 3 Settembre 2021.

Hydra sembra poter avere le carte in regola per poter rimediare ad una delle debolezze di Cardano, aumentando ulteriormente la solidità del progetto.

Chiunque volesse acquistare Cardano (ADA), può farlo attraverso i broker online oppure gli exchange.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui