Minare Criptovalute

minare criptovalute

Il successo in continua ascesa delle criptovalute ormai ci tocca tutti molto da vicino e per il futuro sarà sempre più così. Questo perché sempre più persone hanno a che fare con le monete digitali ogni giorno per investire e conseguire dei guadagni. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare un’ampia sezione del nostro sito al mining di criptovalute e spiegarti nel dettaglio cosa significa “minare” una moneta digitale in particolare modo delle seguenti tre tipologie:

Ti anticipiamo che il mining di criptovalute serve per procedere praticamente all’emissione di una moneta digitale. E come si fa in un contesto in cui non ci sono banche che stampano banconote o coniano monete? Qui entra in gioco il mining, che ha subìto diversi stati di evoluzione fino ad oggi.

CHE COSA È IL MINING DI CRIPTOVALUTE?

Prendiamo ad esempio la criptovaluta più popolare e quindi il Bitcoin. Tutte le transazioni che riguardano appunto i Bitcoin vengono registrate in cosiddetti blocchi, che al loro interno contengono le informazioni di tutte le operazioni avvenute.

I blocchi sono contenuti in una catena (da qui il nome blockchain) che è definibile come un immenso database a disposizione di tutti. Un nuovo blocco si crea quando c’è qualcuno che ne trova il codice effettuando diversi tentativi. Successivamente il blocco non potrà mai essere modificato e ciò rende notevolmente sicure le monete digitali.

Colui che riesce a individuare il codice riceve un compenso in criptovalute come Bitcoin e ciò per incentivare le persone a mettere a disposizione le proprie risorse hardware al fine di estrarre monete digitali. Il calcolo richiede l’accensione degli elaboratori praticamente sempre e proprio questa è l’attività di mining. Ma perché si dice “minare”? Il paragone in atto è quello tra le criptovalute e l’oro, che va cercato con impegno alla stessa maniera dei codici.

In più oggi le criptovalute sono universalmente riconosciute come un’ottima forma di investimento proprio come lo è l’oro. C’è da dire che però il valore dell’oro negli ultimi periodi si sta incrementando molto più lentamente di quello delle criptovalute.

COME FUNZIONA IL MINING?

Come abbiamo visto il mining serve a creare nuove unità di criptovalute con dei programmi dedicati. I codici delle transazioni sono univoci e sono iscritti nei blocchi. Per trovarli ci vuole tanta potenza di calcolo e quindi processori molto performanti, insieme ad una scheda video particolare.

Per ovviare a queste esigenze molto importanti è nato tra l’altro anche il mining pool, che unisce molteplici utenti sparsi per il pianeta che sommano le potenze di calcolo dei loro computer per estrarre criptovalute. Il blocco estratto viene alla fine diviso tra i partecipanti al pool come ricompensa.

STORIA DEL MINING

Con la nascita del Bitcoin si presentò subito il problema del come creare le nuove monete digitali. Trattandosi di una moneta decentralizzata non c’era una banca a farlo e questo sapeva un bel po’ di rivoluzione. Ecco che così nacque il concetto di mining: premiare in modo proporzionale con Bitcoin chi mettesse a disposizione con il suo hardware potenza di calcolo per alimentare la rete.

Inizialmente si poteva generare criptovaluta in una sola maniera: attraverso il client ufficiale con la sezione “Generazione monete”. Ad estrarre monete digitali erano in pochi e spesso il loro computer restava acceso notte e giorno per creare più Bitcoin possibili.

Il valore di questi ultimi era minimo e il mining non fruttava un granché, ma lo si faceva per contribuire alla rete. Sempre più persone si sono prestate a questa attività ed è stato possibile ad arrivare alla creazione di sei blocchi all’ora. Allo stesso tempo sono calati i guadagni per ogni singolo minatore e sono nati i mining pool di cui abbiamo già parlato. Ma oggi conviene molto meno fare mining perché ci sono anche troppe macchine a disposizione della rete.

Attualmente vengono utilizzate perlopiù solo poche macchine molto costose concepite ad hoc e costantemente in funzione che minano criptovalute. Oggi al posto di CPU e GPU si utilizzano FPGA, che sono dispositivi logici programmabili. E gli ASIC, microprocessori concepiti apposta per l’attività di mining. Va da sé che guadagnare con il mining ai nostri giorni vuol dire avere tante competenze e fare grossi investimenti.

Tanto vale quindi investire direttamente sulle criptovalute, che aumentano sempre più il proprio valore. Puoi fare trading di criptovalute comprando e acquistando on line sugli exchange in maniera semplicissima, guadagnando rapidamente e investendo anche piccole cifre.

Analizzando le tendenze di mercato è possibile fare trading a breve termine o a lungo termine.

COME SI FA MINING DI CRIPTOVALUTE?

Se ad ogni modo sei interessato all’estrazione di monete digitali puoi consultare le guide che abbiamo preparato. Potrai così capire come estrarre Bitcoin, Ethereum e Dash.

CONCLUSIONI

Come abbiamo visto il mining si è evoluto nel corso del tempo e a braccetto con il successo delle criptovalute. Se prima si poteva guadagnare soltanto estraendo monete digitali oggi l’enorme valore di queste ultime offre tante nuove possibilità.

Ecco perché ti consigliamo di cogliere le opportunità concesse dal trading di criptovalute, che è possibile acquistare sugli exchange che ti segnaliamo nelle nostre recensioni. In questa maniera puoi trarre profitto dalle oscillazioni dei valori delle criptovalute anche se non sei un esperto di trading.